A1, A2, Β1, B2, __ ΝΕΑ ΤΜΗΜΑΤΑ __ TEL: 27 210 2 51 51 -

sabato 20 settembre 2014

Dopo la rissa allo stadio, armati di pistola in strada: 10 arresti a Bari

Una discussione tra un 15enne e una donna nel settore inferiore della curva Nord del San Nicola di Bari, poi il violento diverbio e la rissa tra teppisti, esponenti vicini a clan del quartiere Libertà e del San Paolo, infine il passaggio di una pistola a uno degli arrestati per fronteggiare un eventuale nuovo scontro davanti a un bar del rione Libertà: le immagini diffuse dalla Questura di Bari che evidenziano il contesto di teppismo e le liturgie criminali dietro la rissa avvenuta il 10 maggio scorso nel settore inferiore della stadio, durante la partita tra Bari e Juve Stabia. Dopo il diverbio tra il minorenne figlio di un noto boss (lo stesso che è ritenuto l'istigatore dell'omicidio del giovane albanese Florian Mesuti) e una donna c'è stato un confronto violentissimo tra personaggi vicini ai clan baresi (a uno dei quali viene spaccata una lattina di birra in testa) e in pochi istanti si è passati a scambiarsi pugni e calci sulle gradinate. La rissa è proseguita anche nello spazio antistante le gradinate e subito dopo all'esterno dello stadio. I partecipanti alla rissa, dopo la fine della partita, si sono radunati - come risulta dalle immagini - davanti a un bar del quartiere Libertà, dove oltre a ricostruire la vicenda e a mimare anche un colpo di coltello alla coscia, è stato immortalato il passaggio di una pistola recapitata da un uomo in scooter e poi infilata nei pantaloni da uno degli arrestati: gli inquirenti suppongono che fosse una misura disposta dai criminali per fronteggiare un possibile nuovo regolamento di conti con gli altri protagonisti della rissa allo stadio, riconducibili all'area criminale del quartiere San Paolo

Nessun commento:

Posta un commento

Il messaggi non vengono publicati subito. Devono essere approvati prima.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...